17.1.07

Our Noise


E allora. Un altro mondo è possibile. (O almeno ci si prova).

E' inziata l'altro ieri, lunedì, la versione umanizzata del programma Our Noise su Mtv, condotta dal nuovo volto della rete nonché deus ex machina della webzine (nonché ancora, fatemelo dire, amico) su cui scrivo anche io da anni, Rockit: il buon Carlo Pastore.

Il programma tenta di buttare in 60 minuti scarsi tanti spunti creativi (forse pure troppi) che girano intorno a quell'universo ormai enigmatico che chiamiamo indie. O comunque intorno a tutto quanto esce fuori scavando appena poco più rispetto alla media dell'emittente e di quel che solitamente propone. Ma che difficilmente riesce a venir fuori.
Dunque un sacco di bei video e di chicche (soprattutto dalla rete): dai video poco visti all'attenzione per certi generi piuttosto difficili da beccare su Mtv fino ad un sacco di gustose pensate per mettere in contatto costruttivo ed effettivamente nuovo rispetto a quanto visto fino ad ora i telespettatori ed il Carletto sistemato in un bianchissimo studio ed affiancato da un simpatico Pennuto (per il quale in questi giorni va cercando il nome).

Il programma sembra costruito come una specie di motore di ricerca fattosi televisione: notizie, scaletta, proposte varie vengono filtrate da quella che è scelta come tematica e parola chiave della settimana.

Devo dire che - per quanto ogni giudizio sia prematuro, dopo sole tre puntate - il programma ha senza dubbio di bello un paio di elementi lampanti: anzitutto la spontaneità di Carlo (oltre alla sua indubbia preparazione). Dall'altra, una fresca sensazione di work in progress e di realizzazione "concertata" col pubblico. Questo è dovuto al fatto che va in diretta, ma anche che effettivamente - già da queste prime tre puntate è palese - la trasmissione viene quotidianamente ed attentamente scritta anche e soprattutto con l'apporto di quanto finisce nelle caselle di posta elettronica della redazione.
Certo, dovranno comunque ed inevitabilmente trovare una spina dorsale più chiara che sostenga uno spazio nato interessantissimo. Per fare in modo, insomma, che non diventi solo un magazzino di chicche e spunti ma un programma. Per ora è partito comunque benone: in tre ore ha lanciato molte idee, tante proposte, bei video e, soprattutto, un accenno ad un modo diverso di concepire l'universo culturale che gira attorno certa musica.

Detto questo - rimando ovviamente a tempi maturi un giudizio obiettivo ed argomentato -, guardatevi Our Noise e fatemi sapere cosa ne pensate.

Per ora, io provo una grandissima emozione per Carlo. Che è la dimostrazione che chi ha talento va. Va.

1 hanno detto la loro:

giuseppe catani ha detto...

purtroppo, causa lavoro (e caterpillar in radio...) non riesco mai a vederlo. però ho visto qualche immagine su youtube e carlo mi ha fatto davvero un'ottima impressione: giovanilista senza essere banale, non è poco per mtv!